L’agrifoglio

L’Agrifoglio è da sempre stato considerato magico.

È una pianta di grande forza, resistenza e al contempo grazia e bellezza.

Il nome latino della pianta, Ilex aquifolium, deriva da acrifolium: acer=acuto e folium=foglia, in riferimento alle foglie spinose.

Nel paesaggio spoglio dell’inverno, spicca nei paesaggi invernali con i suoi colori. Il verde richiama l’energia vitale, l’abbondanza e il rosso simboleggia il sangue (la vita stessa). La forma spinosa delle foglie evoca un senso di protezione.

In effetti questa pianta era investita del ruolo di talismano con lo specifico compito di allontanare influenze maligne e portare fortuna.

La sua funzione protettiva è confermata dalla scienza: oltre a possedere proprietà medicamentose, l’agrifoglio ha la proprietà di respingere i fulmini.

Il suo legno veniva inoltre usato per costruire ottime lance facilmente bilanciabili nelle mani di un guerriero e precise nella direzione.

agrifoglio

Per questo motivo i Celti pensavano che l’Agrifoglio fosse di aiuto e sostegno in ogni sorte di battaglia spirituale.

Contornate da cristalli di brina, le pungenti foglie dell’agrifoglio non perdono il loro verde scuro e lucidissimo, e le bacche scarlatte fanno capolino nel diffuso biancore, trasmettendo calore, vitalità e allegria. Queste particolarità ne hanno fatto un simbolo del Solstizio d’Inverno, un inno alla rinascita imminente del Sole caldo e luminoso, un augurio di gioia e buona fortuna per l’anno che deve venire.

Per questo, qualche giorno prima del Solstizio si usava regalare dei rametti di agrifoglio alle persone amate: essi rappresentavano l’immortalità, la sopravvivenza oltre la morte apparente, e avrebbero portato una piccola luce nel buio e un po’ di calore nel gelo, insieme alla fortuna che proviene dai regni della natura sottili.

I fiorellini bianchi dell’agrifoglio, appesi alla maniglia della porta di casa, si credeva ostacolassero l’entrata di persone o entità dannose, e questa forza magica si pensava fosse ancora più forte e potente se la porta stessa fosse stata costruita con il suo legno duro e resistente.
L’usanza di utilizzare l’Agrifoglio per addobbare le case, potrebbe derivare dai Druidi, che decoravano le abitazioni con rami sempreverdi durante l’inverno, così che gli Spiriti dei boschi potessero trovare rifugio in essi e salvarsi dal gelo e dai suoi venti pungenti.