Dukha: gli uomini renna della Mongolia

The Dukha: Last of Mongolia’s reindeer people (qui la versione integrale originale) è un articolo di Nila Sweeney pubblicato per CNN il 29 settembre 2016. I Dukha, o Tsaatan, sono tra gli ultimi esponenti di una cultura che va spegnendosi.

dukha-6-club-magica-centro-studi-danza-milanoDukha: L’ultimo popolo delle renne della Mongolia

Per migliaia di anni, il popolo Dukha, conosciuto anche come Tsaatans, ha vissuto nelle remote profondità boscose della Mongolia settentrionale.

dukha-5-club-magica-centro-studi-danza-milanoSpostandosi da pascolo a pascolo ogni 7/10 settimane, questa piccola comunità di allevatori di renne nomadi è una delle poche popolazioni di questo genere rimanenti.

Nativi della Siberia russa e della provincia di Khovsgol, la più settentrionale della Mongolia, gli allevatori Dukha dipendono dalle loro renne praticamente in ogni aspetto della sopravvivenza, così come nella loro identità culturale e spirituale.

Ma mentre lo sviluppo moderno si fa strada nel loro habitat remoto, le antiche tradizioni di cui sono custodi rischiano di morire.

dukha-2-club-magica-centro-studi-danza-milano dukha-1-club-magica-centro-studi-danza-milano

Una cultura che muore

I Dukha, o popolo delle renne, sono gli ultimi del loro genere in Mongolia.

“Sono certamente una cultura morente” dice Hamid Sardar-Afkhami, antropologo formatosi ad Harvard. Sardar, che ha vissuto per anni insieme ai Dukha documentandone gli usi, ritiene che una volta ci fossero quasi 200 famiglie in questa remota parte della Mongolia.

Oggi ritiene ne siano rimaste probabilmente solo 40 con circa 1000 renne.

“Il numero delle famiglie è precipitato poiché molti di loro si sono integrati nelle comunità maggioritarie – dice – molti di loro si sono trasferiti nei paesi o persino nelle cittadine più grandi.”

La minaccia più grande, dal punto di vista di Sardar-Afkhami, è la defezione delle generazioni Dukha più giovani, che non vogliono vivere nelle condizioni dure della taiga (o foresta di neve).

“Vogliono andare a valle e stare in baite riscaldate in inverno, magari comprarsi un’auto e guidare” dice.

La vita moderna esercita un forte richiamo. La durezza della vita tradizionale di un allevatore di renne gioca a sua volta un ruolo.

dukha-7-club-magica-centro-studi-danza-milano dukha-4-club-magica-centro-studi-danza-milanoIl sorgere di miniere d’oro nell’area, così come i decreti governativi volti a restringere i territori di caccia degli Tsaatan hanno accelerato a loro volta il declino.

“Il governo ha dichiarato le aree di caccia Tsaatan parte di una riserva naturale nazionale. Ora è interdetta e loro non possono più cacciare.”

Come compensazione, stando a Sardan-Afkhami, ad ogni famiglia è stata corrisposta la cifra di 150$.

“È piuttosto triste perché parliamo di popolazioni tradizionalmente cacciatrici e perché le renne hanno bisogno di spostarsi. Quando li paghi in questo modo, stai distruggendo parte della loro cultura.”

Per ulteriore sventura dei Dukha, il numero delle renne da cui tanto dipendono è diminuito drammaticamente a causa di malattie e della scarsa disponibilità di terapie.

Foto di Hamid Sardar-Afkhami.

Qui sotto i film girati da Sardan-Afkhami



E un breve documentario

Qui un’altro articolo in italiano sul popolo delle renne.