Pulemelei – la piramide di Samoa

Pulemelei mound - piramide Samoa

Il Pulemelei Mound (noto anche come Tia Seu) è la struttura più grande e antica della Polinesia. Si trova nella piantagione di Letolo nel distretto di Palauli, all’estremità orientale dell’isola samoana di Savai’i.

Il tumulo di pietra è una piramide costruita con pietre di basalto e alla sua base misura 65 per 60 metri e ha un’altezza di circa 12 metri sul lato sud e 7 metri sul versante nord e sembra essere stato orientato secondo le direzioni cardinali.

Gli scavi hanno rivelato che probabilmente fu costruito tra il 1100 e il 1400 d.C. e smise di essere utilizzato tra il 1700 e il 1800 d.C. Il tumulo fu costruito con una piattaforma di base fatta di pietre vulcaniche e sembra essere costruito su pietre di fondazione posizionate verticalmente.

Sulla cima della pietra di base ci sono tre piattaforme una sopra l’altra, con pareti laterali verticali o leggermente inclinate. La superficie della piattaforma superiore era piana e pavimentata con pietre a flusso arrotondato, con più di 40 tumuli di pietra distribuiti sulla parte superiore aggiunti solo di recente.

1977-1978 Il ritrovamento

Le ricerche archeologiche di Gregory Jackmond nel 1977-1978 hanno rilevato 3000 elementi tra cui piattaforme in pietra, recinzioni in pietra, sentieri e forni di terra.

2002-2004 Scavi archeologici

Il lavoro archeologico al Pulemelei Mound è stato condotto nel 2006 da una squadra condotta dal dottore Helene Martinsson-Wallin (capo degli scavi) e dal Dott. Paul Wallin del Kon-Tiki Museum e dal Dott. Geoffrey Clark della Australian National University insieme a più di venti uomini della vicina Vailoa. Lo scopo dello scavo era comprendere la cronologia del tumulo e dell’insediamento circostante e il suo rapporto con l’origine e lo sviluppo dei regni tribali polinesiani e la loro stratificazione nelle Samoa.

Scavi e datazioni al radiocarbonio rivelarono che sotto il tumulo esisteva un insediamento con frammenti di coccio, forni e utensili in pietra risalenti a circa 2000 anni fa e una successiva fase di insediamento circa 900 anni fa, poco prima della prima fase del tumulo.

Gli studiosi ritengono il tumulo un importante centro e un sito cerimoniale.

Pianta di Ti

Grazie al radiocarbonio hanno scoperto inoltre che i forni di terra, erano usati per cucinare la radice della pianta ti (Cordyline fruticosa) che aveva probabilmente un impiego rituale.

In seguito sono stati proposti diversi scopi per questa struttura, incluso quello di piattaforma di avvistamento o come monumento funerario. Molto probabilmente ha svolto molteplici funzioni, ma in verità la ragione della sua costruzione e il ruolo che ha svolto rimangono sconosciuti.


Vedi anche:

https://www.lastampa.it/viaggi/mondo/2020/01/16/news/il-mistero-della-piramide-nascosta-nella-giungla-di-samoa-1.38336571