La sciamana di Svezia

Da un articolo di Kristin Romey per National Geographic, 12 Novembre 2019

Sepolta seduta e a gambe incrociate, su palchi di cervidi, questa donna è vissuta 7.000 anni fa, nel tardo Mesolitico.

Nel sito archeologico di Skatehol nell’estremo sud della penisola scandinava è stata rinvenuta una donna sepolta seduta a gambe incrociate su un letto di corna di cervidi.

La sepoltura risale a circa 7000 anni fa, nel tardo Mesolitico.

Un team guidato dall’archeologo e artista Oscar Nilsson ha dato nuova vita alla sua sepoltura con una ricostruzione che il 17 novembre verrà presentata al Trelleborg Museum, in Svezia.

In vita ha una cintura creata con oltre 100 denti animali, al collo porta un grande pendente in ardesia e ha le spalle cinte da un corto mantello di piume.

L’esame delle ossa ha rilevato un’altezza di circa un metro e mezzo e l’età della morte è collocabile tra i trenta e i quaranta anni.

Come molti altri individui dello stesso sito di sepoltura aveva la pelle scura e gli occhi chiari.

Nello stesso luogo, i lavori sul quale sono cominciati negli anni ’80, sono state rinvenute inoltre persone sepolte a coppie o insieme a cani, oltre a singoli cani sepolti insieme a ricche offerte mortuarie.

Tuttavia sembrerebbe evidente il ruolo di rilievo di questa figura.

Ingela Jacobsson, direttrice del Trelleborg Museum, concorda. “Ricopriva una posizione speciale nella società, considerando le cose con le quali è stata sepolta, ma non possiamo stabilire altro a parte questo”.

Secondo Oscar Nilsson, però, si tratterebbe senza dubbio di una sciamana. “È sepolta seduta su corna. È di grande impatto ed è ovvio che si trattava di una persona di grande importanza e dignità”.

A questo link l’intero articolo:

http://www.nationalgeographic.it/popoli-culture/2019/11/12/news/la_sciamana_di_svezia_una_degli_ultimi_cacciatori-raccoglitori-4611247/