Squali luminosi

 

Nei canyon rocciosi al largo delle coste di Atlantico e Pacifico vivono degli squali elusivi, e che custodiscono un segreto: comunicano tra loro rilasciando luce brillante dalla pelle, in schemi diversi tra le varie specie ma anche tra i sessi. L’occhio umano non è in grado di vedere questi segnali, scoperti appena qualche anno fa quando gli scienziati hanno illuminato il corpo degli animali.

squali-luminosi

Un team di ricercatori ha appena scoperto come fanno gli squali a creare l’effetto brillante. La ricerca, pubblicata su iScience, mostra che i punti e le strisce verdi brillanti, una forma di bioluminescenza, vengono creati con un meccanismo diverso da quelli noti nell’ambito della biofluorescenza. Il processo include molecole finora ignote alla scienza.

Gli scienziati conoscono oltre 200 specie di squali e pesci ossei, oltre ad alcune tartarughe marine, che brillano. Pensano tuttavia che il numero effettivo negli oceani sia ben più alto. Anche molti invertebrati hanno questa capacità, dai coralli fino a meduse e crostacei. La biofluorescenza si verifica quando la luce blu – il colore dominante nelle acque degli oceani – viene assorbita dai pigmenti della pelle di un animale ed emessa sotto forma di colore verde. È un processo diverso dalla bioluminescenza, dove gli animali producono la propria luce tramite una serie di reazioni chimiche oppure ospitano altri organismi che emettono luce.

 

A questo link l’intero articolo:

http://www.nationalgeographic.it/multimedia/2019/08/19/video/gli_squali_che_brillano_sott_acqua-4506166/1/?refresh_ce